Diagnostica strumentale

POLISONNOGRAFIA


Chi russa provoca sempre un evidente e ben conosciuto fastidio alla persona che gli dorme accanto, ma molto frequentemente ignora che questa manifestazione rumorosa durante il sonno può accompagnarsi a disturbi respiratori dannosi per lo stesso russatore.

Il sonno occupa circa un terzo della nostra vita ed è fondamentale per garantire il benessere del nostro organismo e, in particolare, del suo organo più nobile: il cervello.

Durante il sonno, infatti, nel nostro cervello avvengono complesse regolazioni biochimiche che servono a recuperare gli “sforzi” che il nostro cervello ha compiuto durante la giornata e a metterlo in condizioni ottimali per affrontarne una nuova.

Analizzando i legami tra sonno e salute, si riesce a comprendere come dormire poco e male riduca non solamente la qualità della vita percepita e la resa lavorativa, ma aumenti anche il rischio di sviluppare malattie metaboliche e cardiovascolari.

Per tali motivi nasce il Servizio per lo Studio del Sonno nella sede del Centro Medico Vignola.

I pazienti con disturbi del sonno, caratterizzati dalla presenza di apnee ostruttive (OSA, presentano spesso dei sintomi neurologici. Questi possono essere il primo campanello d’allarme che porta poi alla diagnosi.

La frammentazione del sonno e la ridotta percentuale di sonno profondo possono causare: cefalea, sonnolenza diurna, performance cognitive ridotte e depressione.

I Guai di chi russa
•    Disturbo del partner o di chi dorme vicino
•    Apnee notturne
•    Risveglio difficoltoso
•    Cefalea mattutina
•    Sonnolenza diurna
•    Minore capacità di concentrazione
•    Distrazione durante il lavoro o la guida
•    Calo della libido
•    Ipertensione arteriosa
•    Cardiopatia
•    Disturbi cerebrovascolari
•    Depressione

Le condizioni che predispongono al russamento
•    Sovrappeso e obesità
•    Deviazione del setto nasale
•    Ipertrofia Tonsillare
•    Infiltrazione di grasso dietro la parete posteriore della faringe
•    Ipertrofia linguale (macroglossia)
•    Riduzione muscolare nei tessuti del palato molle
•    Dismorfismi cranio – facciali

La diagnosi nella medicina del sonno non può prescindere, oltre che dalla clinica che coinvolge numerose branche specialistiche, dalla registrazione polisonnografica.

La polisonnografia completa, eseguita in un laboratorio di medicina del sonno, è considerata “il gold standard” nella diagnosi di OSA (Apnea Ostruttiva nel Sonno).

Il polisonnigrafo è uno strumento che permette la registrazione continua e simultanea di numerose variabili fisiologiche durante il sonno: l’elettrocardiografia, il flusso aereo respiratorio, i movimenti respiratori (toracici e addominali), i movimenti corporei (supino, prono e lateralità) e altre variabili elettrofisiologiche.

Ci permette di valutare, quindi, l’assenza o la presenza del sonno, i suoi stadi, gli eventi respiratori (russamento, apnee o ipoapnee) e la conferma della frammentazione del sonno secondaria agli eventi respiratori.

La sua flessibilità, sia nel montaggio che nella lettura, ci permette di usare il polisonnigrafo per la diagnosi sia di patologie respiratorie che neurologiche che si manifestano durante il sonno.

La polisonnografia completa ci permette, quindi, di effettuare una diagnosi corretta oppure di confermare una diagnosi, fare delle diagnosi differenziali e stabilire un corretto trattamento. La diagnosi di OSA non può quindi prescindere da una valutazione strumentale per l’intera durata della notte.

Prima, tuttavia, di avviare un paziente con sospetto di OSA al percorso diagnostico strumentale, debbono essere ricercati i seguenti sintomi e/o segni: russamento abituale (tutte le notti) e persistente (da almeno 6 mesi), pause respiratorie nel sonno riferite dal partner, risvegli con la sensazione di soffocamento in soggetto russatore (non necessariamente abituale), sonnolenza diurna, BMI (Body Mass Index) > 29, circonferenza del collo > 43 cm (M) o 41 cm (F), dismorfismi cranio-facciali e anomalie oro-faringee.

Operando in questo modo, saremo in grado di scegliere, in base ai sintomi e segni del paziente, lo strumento più adattato alle sue caratteristiche cliniche.
 

COSTO SERVIZIO
POLISONNOGRAFIA PER PATOLOGIE RESPIRATORIE : € 200,00
POLISONNOGRAFIA PER PROBLEMI NEUROLOGICI : € 200,00
POLISONNOGRAFIA COMPLETA : € 350,00

 

La nostra segreteria è a disposizione
dal lunedì al venerdì dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 15,00 alle 19,00.

Tel. 06 3225889 · info@vignolacentromedico.com